sir1

… E si rivolge a Regione Lombardia:

“Via con la delibera sulla somministrazione di bevande e alimenti di tali attività”

Confesercenti lancia una petizione on line per la disciplina di sagre e feste popolari e sollecita la Regione Lombardia, affinché si impegni a produrre fin da subito uno strumento normativo adeguato, che superi le criticità esistenti in materia di somministrazione temporanea in occasione di sagre e fiere, come da delibera n. X/643 del 3 marzo 2015 del Consiglio regionale.

“Con l’arrivo della bella stagione si assiste per l’ennesima volta – afferma il direttore generale Alessio Merigoal proliferare sul territorio lombardo di sagre e feste popolari gestite da associazioni, comitati e organizzazioni di ogni genere, spesso prive di alcune regolamentazione. Confesercenti da molto tempo sta sostenendo una battaglia a fianco dei titolari dei pubblici esercizi, per la definizione e l’applicazione di regole certe nello svolgimento di tali attività, continuando la propria azione di sensibilizzazione verso le Amministrazioni comunali e la Regione Lombardia”.

La recente delibera regionale rappresenta “un primo passo verso la regolamentazione del settore – osserva Merigo -. In Lombardia sono decine di migliaia le sagre e feste popolari che a vario titolo si configurano come veri e propri fattori di concorrenza sleale per le imprese della somministrazione di bevande e alimenti, specificamente bar e ristoranti. L’attuale situazione non è più sostenibile, occorrono programmazione, regole uguali per tutti e, soprattutto, buon senso”.

FIEPeT e Confesercenti hanno sollevato pubblicamente da anni la questione, raccolto firme tra gli operatori, proposto regolamenti, leggi, fatto esposti e segnalato abusi. Ora invitano tutti i cittadini a sottoscrivere una petizione, rivolta al Presidente della Regione, affinché siano subito adottati i necessari provvedimenti normativi.

Per farlo, è sufficiente consultare il sito web

www.sagreinregola.it e cliccare sul link “Firma anche tu”,

che riconduce all’apposito form o visitare la pagina facebook

www.facebook.com/sagreinregola.

Urge infatti un provvedimento ad hoc, che introduca finalmente parametri numerici, una verifica dei requisiti degli organizzatori, l’applicazione delle normative igienico-sanitarie e di sicurezza nei luoghi di lavoro.

Vogliamo ricondurre – conclude il direttore generalequella che ormai è diventata la più grande industria della ristorazione, anche nella nostra regione, entro limiti che ne consentano la convivenza con l’attività di ristorazione tradizionale”.

Share


Commenti chiusi.


0