Istituito “l’ufficio garanzia” a tutela dei consumatori e contro gli agenti abusivi

im4

Paolo Bellini, presidente ANAMA, risponde all’inchiesta di Altroconsumo sulle agenzie immobiliari ponendo l’accento sulla sua parzialità e la  poco chiarezza. Affermare che a far lievitare il costo delle case in Italia siano le agenzie immobiliari stesse è voler a tutti i costi demonizzare un’attività e una funzione da sempre ritenuta importante nel mercato immobiliare.

La provvigione chiesta dall’agente immobiliare alle parti, così come stabilito dal Codice Civile, è, infatti, il giusto compenso per l’intervento fatto dal mediatore che, di fatto, favorisce la conclusione dell’affare.

Bellini chiarisce che l’agente immobiliare è l’unico professionista a indicare per legge, nell’atto pubblico di compravendita, i propri compensi, ciò a riprova che è molto difficile poter lavorare in nero, salvo per gli abusivi.

I numeri parlano chiaro: a fronte di 73 mila agenti regolarmente iscritti nelle CCIAA ce ne sono circa 70 mila che si affiancano come abusivi per gestire compravendite e locazioni .

Altroconsumo,  come  tutte  le  associazioni  dei  consumatori,  svolge  una  funzione  importante  e  di
alto
Meritorie  sono  le  battaglie  fatte  per  scardinare  poteri  forti  come,  per  esempio:  quelli
rappresentati
di  beni  di  largo  consumo  (acqua,  luce,  gas)  quando  pesano  ingiustamente  sulle  tasche  delle
famiglie
Non  altrettanto  possiamo  dire  della  periodica  inchiesta  che  Altroconsumo  fa  sulle  agenzie
immobiliari
Affermare  che  a  far  lievitare  il  costo  dei  prezzi  delle  case  in  Italia  sono  le  agenzie  immobiliari
stesse,
nel mercato immobiliare.
Infatti  la  provvigione  chiesta  dall’agente  immobiliare  alle  parti,  così  come  stabilito  dal  Codice
Civile, è il giusto compenso per l’intervento fatto dal mediatore che, mettendo in contatto le parti,
favorisce la conclusione dell’affare.
E  questa  funzione  va  detto,  non  è  un’attività  illecita  ma  meritoria  di  tutela  dell’ordinamento
giuridico.    Sulle  600  mila  compravendite  dello  scorso  anno,  riguardanti  immobili  ad  uso
residenziale,  oltre  la  metà  hanno  visto  l’intervento  dell’agente  immobiliare  che,  con
professionalità  e  competenza,  ha  affiancato  gli  acquirenti  verso  il  rogito  notarile  in  tutte  le
incombenze che questo contratto porta con sè.
Dal  momento  del  sopralluogo  e  della  visita  all’immobile  a  quello  della  sottoscrizione  dell’atto
pubblico  vi  sono  adempimenti  onerosi  rappresentati  da:  regolarità  catastale  dell’immobile,
certificazione
a favore del notaio sia per quanto concerne la compravendita sia per quanto riguarda il mutuo.
E  fin  qui  la  percentuale  di  aggravio  sul  prezzo  di  acquisto  si  attesta  sull’ordine  del  10%  circa
(quando si tratta di acquisto di prima casa), al quale va aggiunta la percentuale del 2%, del 3% o
del 4% che le agenzie immobiliari concordano i clienti. Per capire se la richiesta media del 3% per
parte  di  provvigione,  fatta  dalle  agenzie  immobiliari  è  congrua,  è  sufficiente  dare  un’occhiata  a
cosa succede per esempio in Francia dove il compenso all’agente immobiliare è variabile tra il 7% e
il  10%  e  lo  paga  il  venditore  che,  ovviamente,  prevede  detta  incombenza  all’interno  del  prezzo
stesso. O negli USA dove la provvigione tocca livelli variabili tra il 6% e il 10%.
Che  il  97%  delle  agenzie  immobiliari  sotto  indagine  di  Altroconsumo  chieda  la  provvigione  sia  al
venditore
del  ruolo  del  mediatore  nell’ambito  della  compravendita.  Deve  risultare  strano  o  dubbioso  il
contrario,  salvo  che  un’agenzia  immobiliare  non  dichiari  pubblicamente  di  agire  mediante
mandato a titolo oneroso, richiedendo quindi la provvigione solo al venditore, così come previsto
dalla legge 39 del 1989.
Per  quanto  attiene  ai  servizi  siamo  grati  ad  Altroconsumo  di  ricordare  che  un’agenzia  degli  anni
duemila  non  deve  fermarsi  a  quanto  richiesto  dall’Art.  1754  del  Codice  Civile  e  cioè  “mettere  in
00184 Roma – Via Nazionale, 60
Tel. 06 47251 – Fax 06 4746556
http:://www.anama.it – e mail anama@confesercenti.it
ASSOCIAZIONE NAZIONALE AGENTI E MEDIATORI D’AFFARI
contatto due o più parti per la conclusione di un affare”, ma per avere diritto a provvigioni piene
l’agenzia deve fornire servizi di pubblicità, di assistenza, sopralluoghi e segnalazioni mirate
dell’immobile,  svolgere  visure  ipocatastali,  accertamenti  tecnici  sulla  regolarità  dell’immobile
rispetto alla planimetria catastale e seguire il cliente fino al rogito notarile.
Questa  mole  di  lavoro  che,  in  questo  periodo,  dura  normalmente tra  i  sei  e  gli  otto  mesi  è  la
prestazione che l’agente immobiliare professionale deve fornire alla clientela.
E  se  vogliamo  verificare  se  la  provvigione  stessa  è  in  linea  con  il  servizio  reso,  basta  fare  un
semplice calcolo:
vendita  di  un  appartamento  di  200.000  Euro  con  una  provvigione  maturata  di  12.000  Euro  circa
che divisa per i 7 mesi medi, che è il tempo che passa dall’accordo preliminare al rogito notarile,
vediamo che l’agenzia matura circa 1.700 Euro al mese. Con un rischio però: che se per qualsiasi
ragione l’affare non è concluso ovvero non si avvera la condizione necessaria per portarlo a buon
fine nulla  spetterà  all’agenzia  per  l’attività  svolta  se  non  per  le  eventuali  spese  documentate.
Sempre
decadere questo diritto. (ex Art. 1756 c.c.)
A  differenza  delle  “professioni  nobili”  l’attività  dell’agente  immobiliare  è  appunto  “a  risultato”  e
non “a prestazione”: cioè il fatturato dell’agenzia si potrà contabilizzare solo se gli affari giungono
a  buon  fine  visto  che  per  avere  i  compensi  non  è  sufficiente  dimostrare  di  aver  lavorato
alacremente e raggiunto l’obiettivo.
E  proprio  su  questo  argomento  vogliamo  chiarire  che  l’agente  immobiliare  è  l’unico
“professionista” ad indicare per legge nell’atto pubblico di compravendita, i propri compensi e gli
estremi della fattura, ciò a riprova che è molto difficile poter lavorare in nero salvo per gli abusivi,
che  sono  dei  pseudo‐operatori  immobiliari  per  nulla  iscritti  alla  Camera  di  Commercio  che
si propongono sul mercato come mediatori quando tali non sono.
I numeri parlano chiaro: a fronte di 73 mila agenti immobiliari regolarmene iscritti nelle CCIAA ce
ne sono circa 70 mila che si affiancano come abusivi per gestire compravendite, locazioni e
cessioni d’azienda. Questi ultimi di sicuro saranno pronti a trattare le provvigioni, a chiederla ad
una sola parte, non emettere fattura e a fornire un servizio limitato senza nessuna garanzia per
l’utente finale. Utilizzare un agente immobiliare (in regola) equivale ad avere un testimone
ufficiale al proprio fianco che può risultare utile in caso di contenzioso tra le parti. Infatti tra le
molteplici responsabilità ed obblighi del mediatore vi è anche quella professionale e contrattuale
di dire e riferire all’autorità giudiziaria tutto ciò che è in sua conoscenza per una serena
conclusione degli affari (ex art. 1759 cc). Affidarsi quindi a un’agenzia organizzata, meglio se con
un marchio noto ed una professionalità acclarata è sinonimo di garanzia e di sicurezza, consapevoli
come siamo che un’attività di intermediazione non può essere fatta se non con l’assunzione della
piena responsabilità del proprio operato, con gli strumenti previsti dalle leggi, i controlli degli enti
preposti e la professionalità di chi investe nella propria azienda, a servizio dei consumatori e del
mercato immobiliare.
A.N.A.M.A.
essere
trovare
all’indirizzo di posta info@anama.it ‐ ufficio di garanzia.

Proprio per questo A.N.A.M.A. ha istituito un “ufficio di garanzia” al quale i consumatori possono far riferimento se ritengono di essere stati lesi nei loro diritti.
Le segnalazioni vanno indirizzate esclusivamente tramite mail a info@anama.it.

CLICCA QUI PER LEGGERE L’INTERO ARTICOLO

Per ulteriori informazioni:

Confesercenti Provinciale di Brescia

tel: 030 2421697
fax: 030226185
e-mail: info@comservizi.it

Share


  1. .

    ñýíêñ çà èíôó!…

  2. .

    ñýíêñ çà èíôó!!…

  3. .

    áëàãîäàðñòâóþ!!…

  4. .

    hello!!…

  5. lee

    .

    thank you!…

  6. .

    thanks!…

  7. .

    ñïñ!…

  8. .

    ñïñ….

  9. .

    thank you!!…

  10. .

    thank you!…

  11. .

    tnx for info!!…

  12. .

    thank you!…

  13. .

    ñïàñèáî!!…


0